, ,

Capire il linguaggio canino – I segnali calmanti

Ne approfitto dei recenti fatti di cronaca per introdurre un argomento molto importante, una delle chiavi per riuscire a prevenire questo tipo di tragedie: i segnali di calmanti o segnali pacificatori.

Molto spesso incontro cani con evidenti atteggiamenti da stress, con proprietari che non se ne rendono minimamente conto e magari si lamentano del cane che distrugge casa, è aggressivo, non ascolta… Riuscire a comunicare con il proprio cane, capendo le sue esigenze, ci permetterebbe di vivere una relazione più sana e con un cane meno stressato.
Naturalmente oltre ai segnali di calma bisognerebbe considerare altre cose, partire con una solida base riuscendo ad individuarli nel proprio cane è tuttavia fondamentale.

Questo argomento per chi è esperto di cinofilia, dovrebbe essere già metabolizzato, ma leggendo i commenti sui social o ascoltando la TV, mi rendo conto che c’è una profonda ignoranza in materia. Eppure basterebbe leggersi un libro, osservare il cane con attenzione, rivolgersi a degli educatori.

Per un approfondimento vi consiglio vivamente di acquistare uno di questi libri che ritengo i migliori e i più semplici:

Leggere, rileggere e provare ad osservare veramente il vostro cane, vi accorgerete che probabilmente non amerà essere abbracciato, baciato, accarezzato in testa etc etc…

Di seguito vi elenco quelli che ritengo essere i principali segnali di calma, concentratevi su uno, massimo due segnali calmanti a settimana, in poco tempo imparerete a capire meglio il vostro cane, a prevenire risse e a comunicare meglio con lui.

Banner_comprendere-linguaggio-del-cane

LECCARSI IL NASO

E’ un segnale molto frequente, generalmente viene usato durante l’approccio fra due cani sconosciuti. Di solito il movimento è abbastanza veloce, allenatevi ad osservare quello che succede.
Le occasioni più frequenti di osservare questi segnali durante le interazioni con l’uomo sono principalmente queste:
– Quando viene abbracciato,
– Quando viene sgridato,
– Quando una persona si china su di lui,
– Quando viene accarezzato sulla testa,
– Quando mostra timore di qualcosa o qualcuno

SBADIGLIARE

Quando il cane sbadiglia fuori contesto, potrebbe indicare un disagio, una situazione di stress, è normalmente considerato come sintomo di insicurezza. Di solito usa lo sbadiglio come segnale di calma per sé stesso e per gli altri abbinato ad altri segnali.

GRATTARSI

Il cane che si gratta fuori contesto, o che fa il movimento della zampa senza toccarsi è sinonimo di stress, di disagio. Dug lo fa spesso quando si trova dal veterinario, in situazioni di attesa forzata.

AVVICINARSI LATERALMENTE

Avvicinarsi frontalmente è considerato dal cane come una sfida o un atteggiamento di dominanza. Il cane equilibrato, non belligerante si avvicina ai suoi simili sempre lateralmente, compiendo una curva, per poi posizionarsi sul lato dell’altro cane. Camminando col cane al guinzaglio, capita spesso di incrociare un altro cane che procede nel senso di marcia opposto al nostro. In questi casi non è infrequente osservare che i cani, avvicinandosi, deviano curvando. Così facendo si stanno mandando un segnale di pacificazione evitando conflitti.

DISTOGLIERE LO SGUARDO, VOLTARE LA TESTA O IL CORPO

Due cani che non hanno intenzioni bellicose distolgono lo sguardo, guardano altrove, a volte spostano tutta la testa, a volte si mostrano direttamente il sedere, dando così un segnale sia visivo che olfattivo. Possiamo usarlo anche noi, per esempio: un cane cerca di saltarvi addosso. Vi fermate, voltate la testa e rimanete immobili fino a quando non si rilassa e rimane con 4 zampe a terra.

IMMOBILIZZARSI

Il cane che si immobilizza indica che non vuole provocare reazione di difesa o di offesa. È utilizzato spesso dal cane che diventa oggetto di attenzioni da parte di un altro cane sconosciuto che si avvicina troppo a lui per annusarlo dappertutto. Il cane può emettere questo segnale verso l’uomo che lo sgrida o che lo intimorisce o che lo stressa

METTERSI IN MEZZO

Posizionarsi tra due o più cani o persone ha lo scopo di creare una barriera tra ciò che viene ritenuto fonte plausibile di conflitto. E’ un segnale di calma fortissimo, possiamo usarlo anche noi ottenendo quasi sempre risultati positivi. È frequente osservare un cane che si interpone tra due persone a stretto contatto fisico ( che ballano, litigano, si abbracciano) o tra due cani che giocano troppo violentemente, che sono irruenti o che sono causa di tensioni nel gruppo.

 

Questi sono solo alcuni, forse i più semplici da osservare. Quasi tutti questi segnali possono essere usati da noi per rapportarci con il nostro cane. Provate a sbadigliare, esagerando con la mimica, quando vedete il vostro cane stressato. Avvicinatevi di lato, non accarezzatelo in testa… Vi capirete e il vostro rapporto migliorerà sicuramente!

 

Articolo tratto da welldogs e tipresentoilcane
Immagini: piazzadellenotizie

 

Banner_comprendere-linguaggio-del-cane

SCRIVI UN COMMENTO DA FACEBOOK